annunci single con foto Appello del premio Oscar Helen Mirren: «Salviamo gli ulivi del Salento»

Appello del premio Oscar Helen Mirren: «Salviamo gli ulivi del Salento»
«Salvate gli ulivi monumentali, salvate questi monumenti della storia mondiale». Un appello accorato, quello lanciato alla comunità internazionale dal premio Oscar, Helen Mirren, questa mattina a Strudà al capezzale della "Regina", uno dei millenari più antichi d'Italia e del mondo. Nonostante il caldo torrido, l'iniziativa ha richiamato numerose persone, che si sono ritrovate a Strudà, frazione di Vernole (provincia di Lecce), in località Masseria Visciglito. 

«Aiutiamo il Salento a salvare i suoi ulivi monumentali che sono un capolavoro d'arte. Piante dallo straordinario valore agronomico e paesaggistico, alcune di oltre 2000 anni di età, sono sotto l'attacco del batterio xylella fastidiosa – ha detto l'attrice inglese, magistrale interprete del film "The Queen" - Mi sono commossa nel vedere ulivi che c'erano già ai tempi di Virgilio e Augusto ridotti ora così.  Tanti miei colleghi di Hollywood amano il Salento. Ma serve l'impegno di tutti per provare a fermare la fitopatia che ha colpito gli ulivi. Questo è l'unico territorio al mondo in cui non si può piantare un albero di ulivo. Gli olivicoltori salentini chiedono alle istituzioni italiane ed europee di cancellare questo assurdo divieto per poter riprendere a piantare nuovi ulivi e garantire un futuro olivicolo al Tacco d'Italia».

L'attrice è stata accompagnata tra gli ulivi millenari dal presidente di Coldiretti Lecce, Pantaleo Piccinno e dal direttore, Giuseppe Brillante. In particolare il presidente Piccinno ha chiesto alla Mirren di farsi portavoce di una sorta di "adozione a distanza", da parte dei colleghi di Hollywood, di altri quattro alberi dell'uliveto di Vernole, ciascuno di oltre 2mila anni, tutti duramente colpiti dal batterio: il Re, la Cascata, il Faraone e il Leone. Si stimano circa 500mila ulivi ultra centenari nella provincia di Lecce. 

A chiedere l'impegno della Mirren ad accendere i riflettori sulla fitopatia c'erano, oltre ad una nutrita rappresentanza di olivicoltori, anche i sindaci di Vernole, Luca De Carlo e di Tiggiano (comune in cui la Mirren ha acquistato una masseria), Ippazio Morciano, che hanno voluto testimoniare con la propria presenza l'impegno  nella lotta alla terribile fitopatia.

«La prima volta che sono arrivata in Salento 14 anni fa la cosa che mi colpì profondamente erano gli alberi, ancora più del mare, ancora più del sole e di tutto quello che altre persone notano – ha sottolineato l'attrice - che sono veramente un capolavoro d'arte, una combinazione della natura e dell'uomo, e perciò vale la pena valorizzare e apprezzare. Tuttora provo una profonda emozione tutte le volte che vedo questi alberi e sapere il pericolo che corrono in questo momento e per causa di questo batterio mio dà un grande dolore ed è devastante pensare che non si stia trovando una soluzione. Oggi è la prima volta che vedo questi ulivi secolari, vedere questi monumenti della storia mondiale, in pericolo sento impellente il bisogno di aiutare, di fare qualcosa, di fare appello alla comunità internazionale perché chi ha dedicato tutta la propria vita a questi alberi venga aiutato».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sabato 5 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 14:34
incontri senza iscrizioni