chat amores.en linea Razzismo, attacco alla giornalista Tea Sisto:
«Le auguro di non essere violentata»

Razzismo, attacco alla giornalista Tea Sisto:
«Le auguro di non essere violentata»
Attacchi e insulti su facebook alla giornalista brindisina Tea Sisto, già caposervizio della redazione brindisina del Nuovo Quotidiano di Puglia di cui resta una delle storiche penne. La giornalista è stata presa di mira dopo alcuni suoi post e commenti a favore dell’integrazione e contro posizioni fasciste e razziste comparse nelle ultime settimane nel capoluogo messapico, a seguito della presa di posizione di due ex amministratori brindisini Massimo Ciullo e Massimiliano Oggiano sull’ipotesi di allestire una tendopoli di migranti nel quartiere Paradiso. Una ipotesi più volte smentita dalla gestione commissariale del Comune ma su cui i due hanno proseguito ad aizzare i cittadini anche nei confronti del parroco del quartiere Don Cosimo Zecca.
La bufera si è svolta in buona parte sui social dove i toni sono saliti sempre più finché ieri un utente ha commentato rivolto alla Sisto: «Tea Sisto si vergogni di quanto ha appena scritto, perché il suo falso buonismo ci ha portato nelle condizioni in cui l’Italia si trova!!..se realmente una persona ha bisogno, accetta qualsiasi aiuto che gli si offre, e non che pretende solo quello che le piace..questa io la chiamo arroganza e se fosse per me io li caccerei a calci nel culo e basta!!!..ha mai invitato qualcuno a pranzo a casa sua e le ha detto che lei cucina da schifo e non ha voluto neanche assaggiare il suo pranzo?…una persona educata e rispettosa del suo invito, mangerebbe anche se non è di suo gradimento senza offenderla!!..Signori si nasce, non lo si diventa diceva qualcuno, ma questi signori, la gran parte e non tutti per fortuna, sono solo dei porci schifosi!!..auguro a lei che mai la violentino o le violentino una figlia, una nipotina o una mamma, poi vedremo se le rimane ancora tanto buonismo.. magari sarà pure contenta!!!».

In favore della giornalista, oggi esponente anche di Libera, è intervenuto l’Ordine dei giornalisti e Assostampa “L’ Ordine dei giornalisti e l’Associazione della stampa di Puglia esprimono solidarietà alla collega Tea Sisto- si legge nella nota- che ha ricevuto un pesante e volgare attacco di stampo razzista. I giornalisti si sentono impegnati nel condannare e contrastare il linguaggio che amplificato dalla rete invita alla violenza e semina odio. L’Ordine e l’Assostampa auspicano rapide ed efficaci indagini delle autorità per rintracciare e neutralizzare i propagatori di odio.”
Solidarietà è arrivata anche dal Pd di Brindisi. “Il PD di Brindisi esprime ferma condanna per le gravi offese subite dalla giornalista Tea Sisto, attivista brindisina di Libera. E’ davvero vergognoso e triste che una persona scriva che una donna sia contenta che la stuprino o stuprino sua figlia, sua nipote e sua madre.Siamo consapevoli che l’episodio debba ascriversi alla responsabilità penale di un singolo individuo, ed auspichiamo che alla denuncia che sarà presentata dalla giornalista possa seguire una sentenza esemplare che sia da monito a tutti coloro che, nella vita reale e sui social network, confondono la libertà di espressione con la licenza di offendere e minacciare i propri interlocutori.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 3 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:38